Articolo

Il Terzo Pilastro in Svizzera

Indietro

Il Terzo Pilastro in Svizzera

Caratteristiche del Terzo Pilastro in Svizzera

Il Terzo Pilastro in Svizzera è il gradino più alto del sistema pensionistico, chiamato appunto Sistema dei tre pilastri.
Data la sua natura facoltativa, il terzo pilastro ha come scopo dare la possibilità, a chi lo desidera, di colmare la lacuna pensionistica lasciata dai primi due pilastri AVS e LPP.
Considerando che, chi è nato e cresciuto in Svizzera e quindi ha versato tutti i contributi, arriverà alla pensione con circa il 60% dell'ultimo stipendio, è importante iniziare fin da subito a versare al terzo pilastro per colmare il 40% di gap.
Chi invece è arrivato in Svizzera più tardi dovrebbe fare più attenzione dato che, in mancanza di anni di contribuzione ai primi due pilastri, la lacuna pensionistica sarà ancora maggiore al momento del pensionamento.

Il terzo pilastro in Svizzera si può stipulare in due modalità, come pilastro 3A (vincolato), oppure come pilastro 3B (libero). 
La differenza più importante tra le due modalità è che il pilastro 3A è deducibile dalle tasse e si può ritirare solo 5 anni prima dell'età della pensione (oppure per gli stessi motivi del secondo pilastro). Il terzo pilastro 3B invece, non ha il vantaggio fiscale, ma da la libertà di ritirare il capitale in qualsiasi momento.

Il Terzo Pilastro è flessibile?
Dato che il terzo pilastro in Svizzera deve adeguarsi alle diverse fasi della vita, è importante che sia flessibile.
Di seguito alcune caratteristiche:
- È possibile aumentare e diminuire il premio mensile
- Molti prodotti danno la possibilità fare una pausa nel pagamento dei premi
- A dipendenza del prodotto è possibile cambiare la strategia d'investimento
- Si possono includere o escludere coperture in caso d'invalidità o decesso

Come scegliere il terzo pilastro giusto

Esistono numerosi prodotti di terzo pilastro in Svizzera e sono molto diversi tra loro, per questo motivo una consulenza accurata è fondamentale.
Ci sono prodotti con o senza garanzia del capitale, che partecipano a indici o legati a fondi d’investimento. Insomma, ci sono prodotti per tutti i gusti e a volte risulta complesso capire le differenze per trovare quello giusto.
Per trovare il terzo pilastro che meglio si adatta alle vostre esigenze, noi di Terzopilastro.ch ci affidiamo a un sistema di consulenza in diversi steps:
1) Vi spieghiamo le vostre coperture del primo e secondo pilastro e calcoliamo le lacune da colmare.
2) Facciamo un primo confronto tra diversi “tipi” di terzo pilastro così da trovare il miglior prodotto/compagnia per il vostro caso.
3) Impostiamo il prodotto scelto in base alle vostre necessità in modo da offrirvi una soluzione su misura.

In questo modo la vostra soddisfazione sarà garantita.

Tutti possono fare un terzo pilastro in Svizzera?

Per fare un terzo pilastro in Svizzera bisogna fare alcune distinzioni in base al tipo di terzo pilastro:

Pilastro 3A: possono stipularlo tutti quelli che percepiscono un reddito d'attività lucrativa in Svizzera. Anche chi ha un permesso B e paga l'imposta alla fonte può stipulare un terzo pilastro 3a. 
Chi invece ha un permesso G (frontalieri), la scelta è più limitata e non sempre è conveniente.

Pilastro 3B: possono stipularlo tutte le persone che abitano o lavorano in Svizzera ed è particolarmente indicato per coprire il coniuge che non lavora, oppure per fare un risparmio per i propri figli.

Conclusione

Anche se facoltativo, il terzo pilastro in Svizzera è fondamentale per assicurarvi un futuro sereno, e per farlo nel modo giusto, è importante affidarsi ad una consulenza di alta qualità.

Contattateci per fissare un appuntamento 100% online. 

Articoli correlati a questo tema

Capire il certificato del secondo pilastro LPP

Recensione sul terzo pilastro Swiss Life Dynamic Elements 3a e 3b

Non riuscite a trovare quello che state cercando?

Richiedi una consulenza personale gratuita, fissando un appuntamento con un nostro specialista

Articolo precedente

Terzo pilastro: previdenza o investimento?

Articolo successivo

E’ meglio un terzo pilastro assicurativo o uno bancario?